PrimaNota.ru - самый крупный в мире бесплатный архив песенных текстов, аккордов, табулатур и нот


Монтеверди Клаудио - Se pur destina - текст песни, перевод, видео

Регистрация Запомнить меня
Войти через:  Facebook Google Twitter Vk Yandex Mail.ru

Монтеверди Клаудио - Se pur destina - текст песни, перевод, видео

Печатать
Просмотров: 320
Se pur destina e vuole
 il cielo, almo mio sole,
 che in tenebre mi viva.
 Ascolta, alma mia diva,
 ciò che potrà ridire
 fra cotanto martire
 di sconsolato amante
 lingua fredda e tremante.
 O del cor luce e speme,
 odi le voci estreme:
 odile, e dal bel seno
 una lagrima almeno
 bagni la viva neve.
 Rimira ah, come lieve
 per l'eterno cammino
 s'affretta, e già vicino
 splende l'infausto giorno
 che dal bel ciglio adorno
 mi condurrà lontano.
 Deh, con più lenta mano
 sferza i destrieri ardenti,
 Febo, se a' tuoi lamenti
 trecce dorate e bionde
 tornin l'amate fronde.
 O pensier vani e folli!
 Che spero, ohimè, che volli?
 Già dibattendo l'ale
 giunge l'ora fatale
 dell'aspra dipartita,
 vita de la mia vita!
 A te non dico addio
 ché se l'alma e'l cor mio,
 se lascio ogni mio bene
 e con la cara spene
 resta ogni bel desìo,
 a me vo' dire addio:
 a me, che triste e solo,
 preda d'immortal duolo,
 da me medesmo, lasso,
 volgo, partendo, il passo.
 Lumi, voi che vedeste
 della beltà celeste,
 allor ch'arsi e gelai,
 splender sì vaghi i rai,
 a voi, tremante e muto,
 a voi dimando aiuto;
 ridite, occhi, ridite
 con lagrime infinite,
 ridite innanzi a lei
 gli affanni acerbi e rei,
 ch'io non saprei ridire
 di cotanto martire
 neppur minima parte:
 solo dirò che par te
 il più leale amante
 che mai fermasse piante
 nell'amoroso regno;
 che di laccio il più degno
 incatenato visse
 di quanti unqua n'ordisse
 Amor per altra etade;
 che per casta beltade
 temprò sì bei lamenti
 che'l mar, la terra e i venti
 ne sospiraro, e'l cielo
 di lagrimoso velo,
 pietoso a' suoi sospiri,
 sparse gli almi zaffiri;
 e potrei dir ancora
 ch'unqua non vide Aurora
 specchiarsi in mar sì bella
 nè l'amorosa stella
 se non oscura e vile,
 dopo l'ardor gentile
 delle stellanti ciglia,
 immortal meraviglia
 in cui mirando, a volo
 varco le nubi e il polo.
 Ma deh, luci serene,
 de le mie care pene
 dolcissimo conforto,
 chi scorgerammi in porto
 per questo mar insano,
 se da voi m'allontano?
 Ahi che la mia stanca nave
 rimiro, e'l cor ne pave,
 fra turbini e tempeste,
 e del nume celeste
 invan sospiro i rai,
 stelle che tanto amai!
 Ma qual timor mi punge?
 Ove n'andrò sì lunge
 ch'io perda il dolce lume?
 Qual monte mai, qual fiume,
 qual mar farammi eclissi
 che nel mio sol non fissi
 il cor, l'alma e i pensieri,
 se di quei raggi altieri
 per entro il cor profondo
 la luce e'l cor ascondo?
 Partirà ben il piede;
 Amor, prestami fede:
 per te l'alma mia diva
 partirà sì, ma schiva
 de la gravosa salma
 farà volando l'alma,
 dolcissimo soggiorno,
 al suo bel ciel ritorno.
Добавлено: 14.05.2012
Другие материалы по этой песне:

Страница создана 25.04.2012
http://primanota.ru/claudio-monteverdi/se-pur-destina-lyrics.htm
Привет, Гость.
Предлагаем пройти революционный курс по гитаре.
Подарок от PrimaNota.Ru, забирай!